Close
Type at least 1 character to search
Back to top

Il nuovo sito web del corso di laurea magistrale in Volcanology è on line

Partirà con l’anno accademico 2022/2023 il nuovo corso di laurea magistrale in Volcanology completamente in lingua inglese. Questo nuovo corso nasce da una convenzione tra l’Ateneo Federico II e l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV).

Damedia si è occupata del sito web di presentazione del progetto:

https://www.volcanology.unina.it/

È il primo corso in Italia che ha come tema centrale la vulcanologia nel suo insieme e nei suoi aspetti più caratteristici. Questo corso non poteva non nascere che a Napoli, città compressa tra due vulcani attivi conosciuti in tutto il mondo: il Vesuvio ed i Campi Flegrei. Questo territorio rappresenta un laboratorio all’aperto per gli studenti che si immatricoleranno e che avranno la possibilità di poter “toccare con mano” i prodotti di un vulcano. Partner di questa percorso formativo sarà l’Osservatorio Vesuviano (INGV) il più antico osservatorio vulcanologico al mondo. Il percorso formativo è costruito perché il laureato magistrale in Volcanology acquisisca conoscenze e competenze teorico-sperimentali approfondite sui processi fisici e chimici che governano il comportamento dei vulcani e sulla loro pericolosità.

Gli studenti avranno la possibilità di studiare il comportamento passato dei vulcani al fine, tra l’altro, di contribuire alle stime probabilistiche di pericolosità, a monitorare il comportamento dei vulcani attivi per sorvegliarne lo stato fisico e predire l’evoluzione dell’attività, ad elaborare serie di dati geochimici e geofisici per modellizzare il sistema-vulcano e valutarne l’impatto sia a scala locale che globale, ad operare nella corretta divulgazione delle informazioni riguardanti lo stato di un vulcano in situazioni di pre-allerta o di crisi in atto.

 

Leggi la news su INGV

https://www.ingv.it/it/stampa-e-urp/stampa/news/5201-vulcanologia-l-ingv-partner-del-nuovo-corso-di-laurea-dell-universita-federico-ii

 

Post a Comment